Orizzonti Simbruini logo quadrato bianco
I PIÚ LETTI
TAG
Dalle sorgenti dell'Aniene al Monte Tarino - Orizzonti Simbruini
Orizzonti Simbruini è un progetto indipendente di documentazione del paesaggio e della natura dei Monti Simbruini, nell'Appennino centrale
22483
post-template-default,single,single-post,postid-22483,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

Dalle sorgenti dell’Aniene al Monte Tarino

Il Monte Tarino è una montagna dalle forme slanciate ed eleganti, in grado di offrire scenari ed ambienti superbi in ogni suo versante. Probabilmente il lato più bello ed entusiasmante da risalire verso la conquista della cima è comunque quello sud-occidentale, fatto di aeree creste ed alte balze rocciose affacciate sulle verdi vallate della riserva integrale del Parco, da dove sgorgano le limpide sorgenti dell’Aniene.

Il percorso classico che porta ad esplorare questo versante parte da Fiumata (nel comune di Filettino) ed in quasi 4 ore di cammino, passando per il Vallone Roglioso, la Valle Forchitto e Monna della Forcina raggiunge la vetta del Monte Tarino, a quota 1961 m.s.l.m. Il periodo dell’anno in cui si può godere a pieno delle bellezze caratteristiche di questo angolo dei Simbruini è indubbiamente la primavera, quando si ha quel mix unico di elementi naturali (abbondanza di acqua, colorate fioriture, verdi praterie e scenici relitti di neve in quota) che rendono il paesaggio vario ed interessante.

Si parte dal piazzale del camping di Fiumata, nei pressi di un ristorante/allevamento ittico, seguendo il sentiero segnato 693b lungo una comoda sterrata che in breve porta ad immergersi in un ambiente pittoresco, fatto di mille rigagnoli d’acqua che corrono tra contorte radici di vecchi faggi. La via corre parallela (ed a volte si interseca) con l’alveo del torrente Roglioso, il quale poco più a valle unendosi con il fosso dell’Acqua Corore da vita al fiume Aniene, l’arteria principale dei Simbruini. Bastano i primi passi per intuire il leitmotiv di questa prima parte di sentiero: l’acqua ed il suo inarrestabile correre verso valle.

Mano a mano che si risale la mulattiera diviene sempre più un sentiero stretto e percorribile solo a piedi; in alcuni tratti viene addirittura invaso dalla forza impetuosa del ruscello. Dopo un’ora circa dalla partenza si giunge in prossimità della sorgente di Fonte della Radica, l’inizio di tutto: qui da un curioso foro del terreno sgorga il rigagnolo di acqua che correndo verso valle assume sempre più le sembianze di un torrente prima e di un vero e proprio fiume poi. Poco oltre si lascia il fondo della vallata per piegare decisamente a destra su ripidi tornanti nel bosco. Nel non sentire più l’incessante fragore dell’acqua si prova quasi disagio, tanto ci si era abituati precedentemente. In costante salita si oltrepassa il bivio che conduce a Filettino passando per il Colle dell’Arena Bianca (694b) e si prosegue verso sinistra la risalita della ripida Valle Forchitto prendendo velocemente quota. Tra i rami dei faggi ogni tanto fa capolino la ancora lontana cima del Tarino mentre la pendenza si accentua sempre più rendendo impegnativo l’avanzare.

L’arrivo al valico di Monna della Forcina, che sbocca sul grande pianoro di Campo Ceraso a circa 1600 metri di quota, pone fine alla ripida salita della Valle Forchitto. Da quì, seguendo sempre i segnavia bianco-rossi, si piega verso sinistra (a destra si sale verso Campo Staffi) ed in piano si attravresa un tratto non troppo fitto di faggeta. All’uscita dal bosco però si inizia a salire di nuovo su pendenze marcate; salendo i panorami si allargano come se si stesse ruotando la ghiera di un grandangolo: a destra appare la cima dell’inconfondibile Monte Velino, a sinistra invece domina tutto il Monte Viglio preceduto dal Cotento e seguito dal gruppo dei Monti Ernici, un manipolo di cime strette tra loro che sfiorano i 2000 metri di quota.

Rientrando nella faggeta la pendenza aumenta ancora per terminare poi di colpo all’uscita sulla sottile ed aerea cresta sud del Tarino, uno dei tratti più spettacolari in assoluto dei Monti Simbruini, con affacci vertiginosi sia verso sinistra che verso destra; da un lato le valli dei torrenti Roglioso e dell’Acqua Corore, dall’altro l’altopiano di Campo Ceraso. In fondo alla sottile linea di cresta appare la biforcuta cima, la quale dista da quì almeno una trentina di minuti. Il tratto che si percorre per raggiungerla è quanto mai ingaggiante e di soddisfazione, tanto da ripagare in pieno le fatiche necessarie per arrivare fin quì. Le ultime rocce prima della vetta sono abbastanza ripide e rappresentano l’ultimo baluardo da superare prima di giungere al cospetto dell’argentata croce di vetta. Dopo circa 3.30 ore di cammino e quasi 8 km di distamìnza in costante salita si può quindi godere del vastissimo panorama offerto dalla cima del Tarino su tutto l’Appennino centrale, con scorci suggestivi e ravvicinati sui restanti Simbruini. Per il ritorno si percorre la stessa via dell’andata anche se la diversa angolazione permette di osservare con altri occhi le zone già attraversate. Si impiegano circa 3 ore nella discesa sino a Fiumata, punto di partenza.

DIFFICOLTA'
  • Difficoltà: EE (escursione lunga ed impegnativa fisicamente)
  • Percorrenza: 3.30h andata – 3.00h ritorno (escluse eventuali soste)
  • Dislivello: 1000m
SENTIERISTICA

Segnavia bianco-rossi segnavia_small n° 693b 

CARTOGRAFIA CONSIGLIATA: Carta dei sentieri del Parco dei Monti Simbruini

ACCESSO STRADALE

Dalla SP28 (Trevi nel Lazio-Filettino), poco prima dell’abitato di Filettino, imboccare una via asfaltata secondaria sulla sinistra seguendo le indicazioni per Fiumata. Parcheggiare alla fine della strada in un ampio parcheggio antestante un allevamento di trote.