I PIÚ LETTI
TAG
La Rosalia alpina sui Monti Simbruini - Orizzonti Simbruini
Orizzonti Simbruini è un progetto indipendente di documentazione del paesaggio e della natura dei Monti Simbruini, nell'Appennino centrale
20923
post-template-default,single,single-post,postid-20923,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

La Rosalia alpina sui Monti Simbruini

La Rosalia alpina (o Cerambice del faggio) è un coleottero xilofago della famiglia dei Cerambycidae; per le sue dimensioni notevoli (può infatti raggiungere i 40 mm di lunghezza) è anche tra i più grandi rappresentati dell’ordine dei Coleoptera.
E’ una specie abbastanza rara e vulnerabile in Italia (classificazione NT nella lista rossa italiana IUCN), per l’esiguità delle popolazioni estremamente localizzate e anche a causa della progressiva distruzione degli habitat specifici in cui vive: regioni montane e boscose con presenza di faggete mature e deperienti, con ampia disponibilità di legname morto e marcescente.

 

MORFOLOGIA E BIOLOGIA

Il colore azzurro della sua inconfondibile livrea può variare di intensità da un esemplare all’altro, assumendo toni che vanno dal  grigio cenere fino all’azzurro intenso; anche le caratteristiche 3 coppie di macchie nere sulle elitre sono difformi da esemplare a esemplare. Le sue lunghe antenne sono dotate di ciuffi di peli neri in corrispondenza delle articolazioni mentre le elitre solitamente presentano una bordatura di colore chiaro.

Gli adulti emergono in estate (giugno-agosto) e sono attivi durante il giorno. Dopo l’accoppiamento le femmine depongono le uova nel legno dei faggi morenti e lo sviluppo larvale richiede due-tre anni.

 

LA ROSALIA ALPINA SUI SIMBRUINI

Non facilmente rinvenibile sui Simbruini, la sua presenza è un indicatore prezioso della qualità degli habitat forestali: approfittando di una stagione – quella del 2016 – apparentemente prolifica su tutto l’Appennino e grazie a un’intensa attività di ricerca mirata, durata diversi giorni, siamo riusciti a documentare questo magnifico esemplare che vi mostriamo nelle immagini seguenti.

IMMAGINI
VIDEO
La Rosalia alpina sui Monti Simbruini ultima modifica: 2016-08-10T08:30:21+00:00 da Daniele Frigida


Utilizzando il sito, accetti la nostra politica di utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento e alla completa fruizione dei contenuti, nonché di cookie di terze parti secondo le finalità illustrate nella cookie policy. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'utilizzo di tutti o ad alcuni dei cookie, consultare la cookie policy. Cliccando su "Accetta" e/o proseguendo nella navigazione, si acconsente all’utilizzo dei cookie.

Chiudi