Orizzonti Simbruini logo quadrato bianco
I PIÚ LETTI
TAG
Colle dell'Arena Bianca, da Filettino
Orizzonti Simbruini è un progetto indipendente di documentazione del paesaggio e della natura dei Monti Simbruini, nell'Appennino centrale
23532
post-template-default,single,single-post,postid-23532,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Colle dell’Arena Bianca, da Filettino

Dal centro di Filettino ha inizio il sentiero 694A, un impegnativo itinerario in costante salita che conduce sino alla zona sciistica di Campo Staffi, situata ad una quota di 1800 metri s.l.m.; percorrendo però solo una prima parte di questo lungo sentiero è possibile raggiungere senza troppo sforzo il Colle dell’Arena Bianca, un luogo interessante sia per la particolarità di essere completamente costituito da sabbia, breccia e detriti calcarei dall’abbacinate colore bianco che per il colpo d’occhio che offre sulle alture sovrastanti del Monte Cotento, del Colle Le Liscie e del Monte Tarino.

Se si vuole rendere la passeggiata più comoda possibile, anzichè dalla piazza di Filettino è possibile partire dall’area pic-nic che si trova in prossimità di un tornante lungo la circonvallazione “panoramica” risparmiando così qualche metro di dislivello. Da qui si seguono le indicazioni per la Cona di San Bernardino ed i segnavia bianco-rossi del già citato itinerario 694A e dopo pochi metri su una rampa in cemento si svolta a destra tra due palazzine, quindi si inizia a salire su una scalinata in parte ricavata dalla roccia viva ed in parte accomodata con tronchi e pali in legno. Superato un cancello si sale ancora a strette svolte nella pineta fino a sbucare in prossimità di un fontanile e raggiungere subito dopo la Cona di San Bernardino, graziosa chiesetta sul cui sfondo domina la mole del Monte Tarino (10 min. dalla partenza).

Superata la chiesetta il sentiero si fa pianeggiante e piacevole; si prosegue dunque con vari saliscendi, a volte all’ombra del bosco a volte allo scoperto, per circa 10 minuti sino a raggiungere un primo crinale di arena, slavato e coperto solo di ginepri ed altre conifere, il quale per via del suo colore bianco spicca tra le circostanti porzioni di bosco misto. Si continua su pendii leggermente più marcati fino a risalire dall’interno l’alveo di un fosso stagionale per poi sbucare alla sella del Colle dell’Arena Bianca (1180 m.s.l.m.) dalla quale finalmente ci si affaccia sullo spettacolare scivolo di breccia che dalle pendici del Monte Cotento scende verso valle.

Si tratta, come già accennato, di un luogo particolare e dal sapore remoto, a tratti selvaggio, nonostante l’abitato di Filettino sia lontano solo pochi minuti a piedi. Qui ovunque sui friabili costoni sono visibili i segni delle acque meteoriche, le quali costantemente corrodono e modellano un paesaggio instabile ed in continuo mutamento. A rendere il tutto più scenografico concorrono le rocciose balze dei monti sovrastanti che si affacciano prepotenti sul bianco impluvio.

Proseguendo subito oltre la sella il sentiero si dipana sul fianco destro del costone e taglia in due delle friabili pareti calcaree; nonostante gli intervento di messa in sicurezza apportati dal Parco appena un paio di anni fa, su questo tratto esposto la forza della natura sembra continuare ad avere la meglio sul tracciato, che in più punti risulta solcato profondamente o invaso da materiale trascinato a valle dal prepotente scorrere delle acque. Nonostante ciò si avanza sempre in sicurezza sino a che il sentiero non rientra nel bosco proseguendo verso le falde del Colle Le Lisce per poi congiungersi con il tratturo proveniente da Fiumata.

Giunti dunque al termine dell’itinerario in breve tempo (c.ca 45 minuti dalla partenza) e visto che l’area del Colle dell’Arena Bianca è tutto sommato abbastanza ristretta, è molto interessante esplorare senza precisa meta anche le zone circostanti, la quali offrono scorci e panorami insoliti e mai noiosi; chi dei Simbruini ama la grande varietà di ambienti certamente non resterà deluso da questo angolo così diverso dal resto dell’orografia di questo territorio (probabilmente simili brecciai affioranti li troviamo solo nell’area della testata della Valle del Simbrivio). Per ritornare a Filettino si segue lo stesso itinerario fatto all’andata, ma per via del dislivello a favore sia l’impegno fisico che di tempo risultano essere leggermente inferiori (c.ca 35/40 minuti).

DIFFICOLTA'

DIFFICOLTA’: T

TEMPO DI PERCORRENZA: 45m andata / 40m ritorno

DISLIVELLO: 100m

SENTIERISTICA

SEGNAVIA: bianco-rossi segnavia_small n° 694A dall’area pic-nic situata lungo la circonvalazione “Panoramica” di Filettino (Edicola religiosa nei pressi di un tornante).

CARTOGRAFIA CONSIGLIATA: Carta dei sentieri del Parco dei Monti Simbruini

ACCESSO STRADALE

Dalla piazza di Filettino proseguire in direzione di Campo Staffi, dopo 800 metri svoltare a sinistra (indicazioni per Hotel Monte Viglio) e proseguire per 1,2 km sino a raggiungere un’edicola sacra nei pressi di un tornante e di un’area pic-nic. Quì si parcheggia e si intraprende il sentiero a piedi.

Colle dell’Arena Bianca, da Filettino ultima modifica: 2016-12-22T14:36:03+00:00 da Daniele Frigida


Utilizzando il sito, accetti la nostra politica di utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento e alla completa fruizione dei contenuti, nonché di cookie di terze parti secondo le finalità illustrate nella cookie policy. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'utilizzo di tutti o ad alcuni dei cookie, consultare la cookie policy. Cliccando su "Accetta" e/o proseguendo nella navigazione, si acconsente all’utilizzo dei cookie.

Chiudi