Orizzonti Simbruini logo quadrato bianco
I PIÚ LETTI
TAG
La Martora, un funambolo tra i faggi
Orizzonti Simbruini è un progetto indipendente di documentazione del paesaggio e della natura dei Monti Simbruini, nell'Appennino centrale
25345
post-template-default,single,single-post,postid-25345,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
Martora, Monti Simbruini - ph F.Ferreri

La Martora, un funambolo tra i faggi

Non capita spesso di imbattersi in pieno giorno in uno dei più elusivi rappresentanti della fauna dei Monti Simbruini: la Martora. La martora (Martes martes) è un piccolo mustelide affine alla più comune faina, ma il cui habitat è principalmente la foresta di latifoglie in aree di collina e montagna. Di abitudini prevalentemente notturne, ricava la propria tana preferibilmente nelle cavità di grandi alberi, muovendosi con agilità tra le chiome di alberi adiacenti. Si nutre di piccoli mammiferi, come ghiri e scoiattoli, uccelli e le loro uova, piccoli insetti e frutti.

Martora e faina

Alcune caratteristiche morfologiche permettono di distinguere la martora dalla più diffusa faina. La scelta dell’habitat prevalentemente arboreo è un primo indizio discriminante, ma sono alcuni caratteri morfologici che permettono il riconoscimento. In particolare, la macchia chiara ventrale nella martora è di colore ocra-giallastro (bianco/chiara nella faina) e non è estesa agli arti anteriori, le orecchie sono bordate sempre in colore ocra-giallo ed il naso è scuro (più chiaro nella faina).

La Martora sui Monti Simbruini

Presente sul territorio del Parco dei Monti Simbruini, ne esistono tuttavia poche segnalazioni a causa delle abitudini tipicamente crepuscolari ed elusive. Ecco allora che questo incontro con un simpatico esemplare – tutto intento ad arrampicarsi lungo il tronco di un vecchio faggio senescente, probabilmente in cerca di nidi di uccelli – assume un rilievo ulteriore che aggiunge all’emozione dell’inatteso vis-à-vis il valore di una testimonianza, ennesima attestazione della qualità degli ambienti forestali dei Monti Simbruini.

ALTRE IMMAGINI
La Martora, un funambolo tra i faggi ultima modifica: 2018-08-10T18:01:52+00:00 da Francesco Ferreri


Utilizzando il sito, accetti la nostra politica di utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento e alla completa fruizione dei contenuti, nonché di cookie di terze parti secondo le finalità illustrate nella cookie policy. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'utilizzo di tutti o ad alcuni dei cookie, consultare la cookie policy. Cliccando su "Accetta" e/o proseguendo nella navigazione, si acconsente all’utilizzo dei cookie.

Chiudi