Orizzonti Simbruini logo quadrato bianco
I PIÚ LETTI
TAG
L'ultimo tramonto d'Autunno - Orizzonti Simbruini
Orizzonti Simbruini è un progetto indipendente di documentazione del paesaggio e della natura dei Monti Simbruini, nell'Appennino centrale
23692
post-template-default,single,single-post,postid-23692,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

L’ultimo tramonto d’Autunno

Oramai da qualche anno il grande freddo e le abbondanti nevicate tendono ad affermarsi sull’Appennino centrale, in modo particolare sui versanti occidentali, sempre più in là durante la stagione autunnale, se non addirittura nei primi mesi dell’anno nuovo, in pieno inverno. Anche quest’anno, da tale punto di vista, non ha fatto eccezione: a parte qualche leggera spruzzata di neve ad inizio Novembre, tutta la seconda parte dell’autunno è trascorsa in un clima caratterizzato da temperature non eccessivamente rigide e quasi completamente privo di precipitazioni.

Ovviamente questa situazione non spicca in maniera positiva, soprattutto in zone che vedono nell’abbondanza delle riserve idriche una delle loro principali peculiarità; infatti le prime a risentire di questi inverni sempre più corti ed asciutti sono proprio le tante sorgenti che rischiano di rimanere a secco (o quasi) già ai primi accenni di siccità estiva.

Ad ogni modo, volendo trovare una nota positiva in tutto ciò, se non altro abbiamo avuto la possibilità di osservare i paesaggi ed i panorami di alta quota, anziché nel bianco abbacinante della neve (che in stagioni “normali” avrebbe già da tempo ricoperto tutto), tra insolite ed intense tonalità calde, le quali evocano quasi visioni di steppe remote. Paesaggi intrisi di una malinconica bellezza racchiusa nelle sature sfumature dal giallo, dall’ocra, dal marrone e dall’arancio.

Questa immagine pare rappresentare al meglio proprio tutto ciò: le alte terre dei Colli Staffi, a fine Dicembre solitamente sepolte sotto una spessa coltre di neve, giacciono invece sospese in un paesaggio senza tempo, brullo ed asciutto, in attesa che finalmente i cicli stagionali si compiano e con essi la natura riprenda il suo corretto corso. E’ il tramonto dell’ultimo giorno di un insolito autunno e solo le nevi sulle cime dei Cantari simbolicamente ricordano che l’inverno è oramai prossimo, sperando che almeno con esso si ritorni al naturale corso delle stagioni e degli elementi che propriamente le caratterizzano.

FOTOCAMERA: NIkon D610 | OBIETTIVO: Nikon 16-35 f/4 G ED VR| TREPPIEDI: Cullman Magnesit 528 + TESTA Manfrotto 496RC2 | Zaino F-Stop Tilopa | Accessori: Filtro NiSi GND 0.9 IR 100x150mm

L’ultimo tramonto d’Autunno ultima modifica: 2016-12-22T17:15:23+00:00 da Daniele Frigida


Utilizzando il sito, accetti la nostra politica di utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento e alla completa fruizione dei contenuti, nonché di cookie di terze parti secondo le finalità illustrate nella cookie policy. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'utilizzo di tutti o ad alcuni dei cookie, consultare la cookie policy. Cliccando su "Accetta" e/o proseguendo nella navigazione, si acconsente all’utilizzo dei cookie.

Chiudi