Orizzonti Simbruini logo quadrato bianco
I PIÚ LETTI
TAG
faggeta Archivi
Orizzonti Simbruini è un progetto indipendente di documentazione del paesaggio e della natura dei Monti Simbruini, nell'Appennino centrale
212
archive,tag,tag-faggeta,tag-212,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
Morimus asper - Monti Simbruini
Coleotteri dei Monti Simbruini: Morimus asper

Come già noto, da diversi anni durante il periodo estivo tra i principali target di ricerca del nostro team vi sono i coleotteri saproxillici più rari e di maggior interesse naturalistico presenti nel territorio dei Monti Simbruini, come ad esempio la Rosalia Alpina, l’Osmoderma eremita ed il Morimus asper. Dopo i primi giorni di pazienti ricerche mirate ad inaugurare con grande soddisfazione la stagione dei rinvenimenti quest’anno è stato proprio un bellissimo esemplare maschio di quest’ultima specie, con l’occasione finalmente ripresa dagli obiettivi di Orizzonti Simbruini (i nostri precedenti due rinvenimenti di M. asper infatti erano stati potuti documentare solo tramite qualche immagine scattata da smartphone).

Il Morimus asper è in generale tra i coleotteri di maggiori dimensioni presenti sul territorio ed esteticamente presenta una colorazione decisamente scura e piuttosto uniforme con sfumature che spaziano dal grigio cenere al nero intenso e macchie sulle elitre appena percepibili (al contrario del suo stretto cugino M. funereus – non presente comunque in Appennino – il quale invece presenta una livrea più chiara e chiazze ben distinguibili). Presenta delle antenne molto pronunciate, le quali nei maschi superano decisamente la lunghezza del corpo arrivando a misurare anche 8-9 cm, mentre nelle femmine arrivano appena oltre al vertice delle elitre. Da un occhio poco esperto potrebbe essere confuso con Herophila tristis e Lamia textor, dai quali si distingue comunque per dimensioni e colori;  l’elemento che ne garantisce comunque la certa identificazione in assenza di possibilità di comparazioni dirette è il terzo antennomero, il quale, al contrario delle altre due specie sopra citate, nel M. asper risulta sempre decisamente più lungo del primo segmento.

Come tutti i coleotteri saproxillici, la sua sopravvivenza è direttamente legata ad ambienti forestali che presentano un elevato grado di naturalità, ovvero boschi di latifoglie incolti e caratterizzati da un’ampia disponibilità di alberi maturi e necromassa (alberi marcescenti), habitat purtroppo sempre più rari e costantemente minacciati dallo sfruttamento antropico delle risorse forestali. Per via della sua lenta ma costante diminuzione in termini di popolazione è una specie di elevato interesse e pertanto rientra nei piani di monitoraggio e salvaguardia della Direttiva Habitat. A tal proposito ricordiamo che è bene segnalare ogni avvistamento di questa specie sul portale InNat nell’apposita sezione del sito (per la segnalazione è fondamentale scattare almeno una foto all’esemplare rinvenuto e annotare le coordinate GPS).

NOTA: nello stesso periodo del rinvenimento di questo esemplare di M. asper, nelle campagne di fondovalle al margine dei Monti Simbruini segnaliamo anche il rinvenimento di due esemplari di Heropila tristis.

IMMAGINI
VIDEO
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
La furia dell'inverno si abbatte sulla faggeta - Monti Simbruini - © Daniele Frigida
Inverno nella faggeta

Monti Simbruini, Marzo 2018

Dopo le ultime annate fin troppo miti ed avare di precipitazioni finalmente quest’anno l’inverno sui versanti occidentali dell’Appennino è tornato a palesarsi nella maniera ad esso più consona. Le temperature in quota raramente hanno superato lo zero termico di parecchi gradi e le nevicate, iniziate alla fine di Novembre, si sono ripetute nei mesi successivi con cadenza piuttosto regolare concludendosi solo con la primavera alle porte. Read More

Incanto d'Autunno: faggi autunnali - Monti Simbruini - © Daniele Frigida
Riflessioni d’autunno

In un sabato pomeriggio d’autunno, con la stagione del foliage oramai giunta al termine, decido di dedicarmi ad un’uscita di fotografia faunistica. Dopo aver perlustrato alcune vallette solitarie, scelgo di appostarmi su un crinale che affaccia su una stretta conca sovente attraversata da ungulati; nella lunga attesa noto con stupore che nonostante il resto degli alberi in zona siano già completamente spogli, un gruppo di faggi dirimpetto alla mia postazione sfoggia ancora una folta e vistosissima chioma color oro. Evidentemente la posizione riparata dal crinale ha protetto queste poche piante dalle fredde correnti e le foglie sono ancora tutte al loro posto sui rami, seppur già profondamente segnate nel colore e pronte a cadere da un momento all’altro.

Read More

Picchio dorsobianco - Monti Simbruini - ph F.Ferreri
Il Picchio dorsobianco sui Monti Simbruini

Il Picchio dorsobianco (Dendrocopos leucotos), conosciuto anche come Picchio dalmatino, è una specie appartenente alla famiglia dei Picidae diffusa soprattutto nell’Europa orientale e che presenta in Italia una distribuzione estremamente localizzata: nella sottospecie lilfordii, infatti, è limitata ad alcune aree dell’Appennino centrale e del Gargano. Si tratta di una specie legata agli  ambienti delle foreste mature, caratterizzati dalla disponibilità di legno morto o marcescente, ove si nutre di insetti e larve di coleotteri saproxilici come la Rosalia alpina. Read More

Rosalia alpina - Monti Simbruini - ph Francesco Ferreri
Torna la regina della faggeta: la Rosalia alpina

Anche quest’anno la troupe di Orizzonti Simbruini è riuscita a documentare la comparsa dei primi individui adulti di Rosalia alpina all’interno della faggeta. La prima sessione di ricerca, svolta all’interno di faggete interessate dalla presenza di tronchi senescenti o secchi, ha portato al rinvenimento di una coppia (maschio e femmina) in fase di accoppiamento presso una vecchia ceppaia di faggio marcescente e di un terzo esemplare maschio in sosta su un tronco parzialmente devitalizzato. Read More

Nebbia nella faggeta - Monti Simbruini - © Daniele Frigida
Il mistero della faggeta

Sono passati alcuni anni da quando ho scattato questa fotografia – addirittura all’epoca il progetto Orizzonti Simbruini era ancora un’idea allo stato embrionale – eppure ogni qual volta mi capita di riguardarla, di colpo mi ritrovo immerso con la mente nell’atmosfera magica e misteriosa di quel freddo pomeriggio di fine autunno. Read More

Faggeta vetusta: grosso esemplare di faggio - © D. Frigida
La faggeta vetusta – Parte I

Una foresta può essere definita vetusta quando questa è composta per gran parte della sua estensione da alberi maturi e a fine ciclo vitale, ossia alberi che, per totale assenza di interferenze esterne dovute all’intervento antropico, compiono a pieno il loro ciclo vitale, arrivando così fino alla “morte naturale”. Read More

Utilizzando il sito, accetti la nostra politica di utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento e alla completa fruizione dei contenuti, nonché di cookie di terze parti secondo le finalità illustrate nella privacy policy. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'utilizzo di tutti o ad alcuni dei cookie, consultare la privacy policy. Cliccando su "Accetta" e/o proseguendo nella navigazione, si acconsente all’utilizzo dei cookie.

Chiudi